Malattie gamba articolazioni e diabete

Dott. Mozzi: Gambe "senza riposo", movimenti involontari, tremori

Mal di collo dà alle orecchie

Il diabete mellito DM comprende un gruppo di entità nosologiche caratterizzate da elevati livelli di glucosio nel sangue iperglicemia e da disturbi del metabolismo dei carboidrati e dei lipidi. Il diabete di tipo 1. La maggiore prevalenza si ha nei bambini e nei giovani adulti. Il diabete di tipo 2. Altra teoria indicherebbe nella malnutrizione fetale e nel conseguente ridotto peso corporea alla nascita un ruolo importante nello sviluppo della malattia. Le unghie possono essere assottigliate e fragili, con tendenza alla colorazione giallastra, soprattutto ai piedi.

Non insolito è il prurito, di solito diffuso, ma spesso localizzato alle aree genitali, malattie gamba articolazioni e diabete femminili. Tra le complicanze occorre sottolineare malattie gamba articolazioni e diabete microangiopatia e la macroangiopatia malattia vascolare aterosclerotica.

Alla base vi sarebbe una alterazione quali-quantitativa della membrana basale che perderebbe le sue funzioni principali, quali. Vengono interessati distretti vascolari centrali coronaropatia e periferici aterosclerosi carotidea, cerebrale, degli arti inferiori o della milza.

Tuttavia nel soggetto diabetico i vasi sanguigni sono più predisposti a sviluppare alterazioni strutturali, soprattutto quelli degli arti inferiori. La malattia aterosclerotica si determina fondamentalmente come conseguenza della risposta ad un insulto. Detta anche malattia di Oppenheim-Urbach malattie gamba articolazioni e diabete i nomi di chi per primi la descrisseroè una malattia degenerativa del collagene. Pur essendo presente solo nello 0. Nel decorso la placca si indurisce sempre più e diviene aderente ai piani osteoperiostei sottostanti.

Nelle fasi di attività della NLD il bordo appare blu-rossatro e indurito. Nel momento in cui la placca assume il suo stato cronico, la parte centrale si ammorbidisce e diventa interamente brunastra. Attraverso la sua superficie si intravedono i vasi sanguigni sottostanti.

Le persone affette da diabete tendono ad avere una pelle più spessa rispetto ai non diabetici. In generale tale incremento di spessore inapparente ma clinicamente misurabile non è associato ad alcun sintomo ed è sconosciuto al paziente e al medico. Più infrequentemente si sviluppa un marcato ispessimento dermico della parte superiore del dorso. Dal punto di vista malattie gamba articolazioni e diabete nel soggetto diabetico si riconoscono quindi tre tipi di ispessimento cutaneo:.

Questo stadio viene indicato come cheiroartropatia diabetica o sindrome di Rosenbloom o sindrome della mobilità articolare ridotta e della pelle cerea waxy skin and stiff joints. La diagnosi di tale manifestazione è importante poiché si associa alle complicanze microvascolari del diabete quali la retinopatia e la nefropatia, nonché neuropatia. Sono note anche come articolazione interfalangea ad acciottolato. Le lesioni sono piccole papule multiple, raggruppate, di colorito roseo, con aspetto di pelle ruvida o ad acciottolato oppure con aspetto micropapuloso papule di Huntley, dal nome di chi per primo le descrisse.

Benchè si manifesti nello 2. Non segue un episodio infettivo, come invece avviene per una patologia simile, lo scleredema adultorum malattie gamba articolazioni e diabete Buschke, che si osserva nei bambini dopo una infezione streptococcica.

Varie sono le ipotesi formulate sulle cause di tale manifestazione. Una prima ipotesi ritiene che la patogenesi possa essere dovuta alla glicosilazione non enzimatica delle proteine che determina dei legame tra le fibre collagene tale malattie gamba articolazioni e diabete renderle resistenti alla degradazione da parte della collagenasi, con conseguente accumulo eccessivo di collagene anormale. Localizzata alla regione tibiale anteriore, su entrambe le gambe ma non in maniera simmetrica, la dermopatia diabetica esordisce con papule o placche rosse, multiple.

La localizzazione al di sopra delle eminenze ossee suggerirebbe il traumatismo come possibile causa. Contrasta con il colorito solitamente pallido del tronco. Tale patologia è definita anche malattia bollosa del diabete o bullosis diabeticorum.

Le bolle diabetiche sono una rara, ma caratteristica eruzione spontanea del diabete, che colpisce la cute dei piedi e delle gambe di uomini e donne in età compresa tra i 40 e i 77 anni, percentuale lo 0. Anche il ruolo di una malattie gamba articolazioni e diabete infezione quale loro causa non ha trovato riscontro. Le bolle tendono a manifestarsi in maniera spontanea, improvvisamente. Sono più comuni al dorso dei piedi ed alla parte inferiore delle gambe, talvolta associate a lesioni simili alle mani e agli avambracci o solamente alle mani.

Le bolle si presentano con dimensioni variabili da pochi millimetri a più centimetri, multiple, sovente bilaterali, con bordi regolari e cute periferica clinicamente sana. La sua frequente associazione con altre complicanze vascolari e neurologiche del diabete, conferisce a questa bullosi un grande valore diagnostico.

Si tratta di una eruzione improvvisa e rapida di piccole papule di dimensioni variabili da 1 a 4 mm. Spesso compaiono in aree soggette a traumatismo fenomeno di Koebner. Nella fase acuta presentano un alone eritematoso intorno alla base e possono essere pruriginose o dolenti. Si associano a un alterato metabolismo lipidico, in particolare ad elevati livelli di lipoproteine ricche in trigliceridi, chilomicroni e lipoproteine a bassa densitàpossibile conseguenza di una ipertrigliceridemia familiare o di un IDDM non controllato, che determina una mancanza di adeguata attività della lipasi lipoproteica ed incapacità di eliminare i chilomicroni e le lipoproteine di bassissima densità.

La correzione del diabete e della iperlipidemia ne favorisce la malattie gamba articolazioni e diabete spontanea dopo alcune settimane. Possono esitare cicatrici iperpigmentate. Inizia al dorso delle mani e dei piede e alle gambe con una o più lesioni papulo-nodulari di colorito normale. Diversamente dalla itterizia le sclere non sono gialle. La pelle ingiallita comunemente è conseguenza di elevati livelli sierici di carotene come possibile conseguenza di un alto consumo di vegetali, frutta e burro.

Nei diabetici invece questo reperto spesso è assente. Queste infezioni possono comparire nel corso della malattia diabetica oppure essere il primo segnale indicativo di diabete.

Con follicolite si intende un processo infettivo dei follicoli piliferi, quelle introflessioni della pelle da cui nascono i peli ed i capelli. Si manifesta come una papula un rilievo della pelle arrossata e purulenta. La penetrazione di un processo infettivo nella profondità della pelle determina la formazione di una raccolta di pus nel derma e nei tessuti più profondi della cute.

La zona diventa arrossata, dolorosa, spesso con una pustola sovrastante. Solitamente si osserva una fuoriuscita spontanea di pus. Si accompagnano un ingrossamento dei linfonodi regionali e, occasionalmente, febbre e sensazione di malessere. Talvolta il processo infettivo invade la circolazione sanguigna batteriemia causando delle infezioni in altre sedi corporee cuore e ossa, endocarditi e osteomieliti. Il paziente diabetico a causa della compromissione della circolazione periferica macro e microangiopatia associata spesso alla mancanza della sensibilità cutanea neuropatia periferica è predisposto ad infezioni del piede.

Queste variano da una semplice forma di cellulite infezione batterica che interessa il derma ed il sottocutecaratterizzata da area arrossata e gonfia tipicamente sulle gambesino ad una grave osteomielite cronica. Le infezioni possono essere causate da un solo batterio monomicrobiche o da più di un batterio plurimicrobiche. Lo Stafilococco aureo Gram-positivo aerobico è il più comune. Ad esso si aggiungono Malattie gamba articolazioni e diabete, Enterococchi, enterobatteri e batteri anaerobi.

Si possono anche osservare orticaria, angioedema, prurito ed eritema generalizzato. Le sulfaniluree possono anche provocare una reazione di fotosensibilità, in genere di tipo fotoallergico, eruzioni lichenoidi e malattie gamba articolazioni e diabete. Non trascuriamo la nostra pelle: è il nostro abito migliore.

Toggle navigation Dr. Luciano Schiazza.